Moda e Shopping

Le borse di Bianchi e Nardi 1946: ovvero il lusso che ci piace

Una foresta pluviale ricreata nel cuore di Milano, dove le borse di Bianchi e Nardi 1946 scintillano come animali tropicali. Un caleidoscopio di colori: grigi e verde muschio, turchesi, gialli, arancioni, e poi bagliori dorati e bronzei che si modellano sui preziosi pellami esotici e disegnano eleganti pochette, agili secchielli, borse a spalla, a mano, con ampi manici. Conce al vegetale, tinte naturali, lavorazioni di alta artigianalità e poi elementi decorati a mano, chiusure gioiello in perla di pietra d’agata, cuciture realizzate con punti perfetti.
La presentazione della collezione  primavera-estate 2016 Bianchi e Nardi 1946 durante Milano Fashion Week è una magnifica occasione per apprezzare l’eccellenza del made in Italy nei suoi elementi più distintivi: una tradizione familiare giunta alla terza generazione, l’innato gusto per il bello, l’orgoglio di lavorazioni artigianali  legate alla cultura nel territorio, una capacità imprenditoriale frutto di inventiva e concretezza.

Bianchi e Nardi

Bianchi e Nardi

La storia di Bianchi e Nardi, azienda fiorentina specializzate nel settore della pelletteria di lusso è di quelle che fa piacere raccontare. Il  marchio è nato nel 1946 per l’iniziativa di Mario Bianchi e Aldemaro Nardi, due amici esperti artigiani pellettieri che aprono a Firenze un piccolo laboratorio specializzato nella lavorazione di borse in pelle e in pelle pregiata come coccodrillo, struzzo e lucertola. Nel 1965, dopo vent’anni di costante crescita, la trasformazione del laboratorio in un’azienda più  strutturata e l’apertura dello stabilimento a Scandicci che ancora oggi è il cuore pulsante della Bianchi e Nardi.

Bianchi e Nardi 1946

Bianchi e Nardi 1946

Negli anni ’90, il passaggio di testimone ai figli dei due fondatori, Marco Nardi, Massimo Nardi e Mauro Bianchi che affiancano alla produzione di borse in rettile e nappe a marchio proprio la realizzazione di collezioni di alta qualità per conto terzi permettendo all’azienda di operare a livello internazionale.

Bianchi e Nardi1946

Bianchi e Nardi 1946

La policy stabilita dai due soci fondatori prevede che le generazioni mature aprano presto la strada a quelle più giovani, mettendole in grado di attivare senza timori reverenziali l’innovazione indispensabile per alimentare la tradizione artigianale dell’azienda.

OKOK_IMG_2023
A fare gli onori di casa nell’elegante presentazione della collezione al Four Seasons di Milano c’erano quindi Laura, Alessandro e Andrea Nardi e Giulia e Gabriele Bianchi, la terza generazione di Bianchi e Nardi: cinque ragazzi giovani e appassionati che la primavera scorsa hanno voluto celebrare il loro ingresso nel consiglio di amministrazione con il lancio di un proprio brand.

Bianchi e Nardi 1946 è una collezione che guarda al futuro puntando su una storia imprenditoriale che si è mantenuta per  settant’anni.
L’azienda fondata da Mario Bianchi e Aldemaro Nardi conta più di 100 dipendenti e circa 25 aziende di indotto, tutte nella provincia di Firenze. Artigiani esperti, selezionati attraverso i decenni, raggiungibili in pochi minuti di auto per il controllo qualità.

Un modello produttivo basato su una filiera corta che viene  sottoposta annualmente anche a una certificazione etica: “(…) non solo come garanzia per i suoi clienti – viene spiegato nel sito aziendale –  ma anche per l’attenzione che pone verso il rispetto delle regole e delle persone che lavorano per (e con) lei”.
Le borse di Bianchi e Nardi 1946 sono oggetti di lusso, non c’è dubbio. Ma questo è il lusso che ci piace.

Bianchi e Nardi

Bianchi e Nardi

BIANCHI E NARDI
Via delle Fonti, 2
Scandicci, Firenze
tel.+39 055 72 25 11
info@bianchienardi.it

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: