Milano Zona 6

La bellezza dei fiori appassiti: la lezione del fioraio Bollettini

La lezione del Fioraio Bollettini

La settimana scorsa mi sono fatta un regalo: ho partecipato a un workshop di composizione floreale organizzato dal fioraio Bollettini. Un incontro speciale, tenuto da Anna Bollettini, anima creativa di quello che secondo me è il più bel negozio di fiori di Milano, su un tema non facilissimo ma proprio per questo molto affascinante: la bellezza delle cose decomposte. Un tema affine alla sensibilità di Anna, che si ispira all’osservazione della natura e del suo divenire per creare le atmosfere fiabesche del suo negozio.

La lezione del Fioraio Bollettini

Fioraio Bollettini, il materiale della lezione

Uno spazio dove si accompagna lo scorrere del tempo e dello stagioni, accogliendo i fiori e i frutti in tutto il loro ciclo di vita, dalla freschezza dei boccioli, alla splendente maturità dei fiori, alla decadenza del loro appassire. Per Anna ogni cosa è illuminata e anche la decomposizione di un frutto porta in sé una luce che genera bellezza.

L’invito della fioraia al piccolo gruppo di amiche e appassionate che hanno partecipato all’incontro era quello di creare composizioni floreali partendo dalla sua particolare selezione: ossia fiori, foglie, rami, frutti, bacche colti nella fase finale della loro vita o anche oltre. Nature morte nel senso letterale del termine.

Armate di cesoie e taglierini, libere se cominciare da un vaso o da un cesto, abbiamo avviato la nostra perlustrazione, osservando sempre più da vicino il materiale a nostra disposizione, cogliendone progressivamente qualità e potenzialità. All’inizio non è stato tanto facile per me, mi sentivo un po’ come a scuola quando la maestra ci dava un tema libero. Poi ho deciso di scegliere accostando non tanto i materiali e le forme quanto i colori: sono partita dal carminio cupo di una rosa completamente sbocciata a cui ho accostato delle bacche rosse, quindi delle ortensie e poi ancora frutti ammuffiti, foglie gialle, un crisantemo…

La lezione del Fioraio Bollettini
Mi sono trovata a pensare che il cesto di fiori e frutta morte stava prendendo vita quasi da solo e intrigata da questo ossimoro, non ho voluto aggiungere alla mia creazione altri elementi che portassero freschezza. Con questo stesso criterio ho scelto i fiori per la composizione nel vaso di vetro – dove ho giocato su toni perlacei ed evanescenti – e la grande rosa appassita intorno alla quale ho seguito l’ultima esercitazione con la spugna da fiorista.

La lezione del Fioraio Bollettini
Meno condizionate da elucubrazioni mentali le mie compagne creavano mazzi e cesti bellissimi che vedete nelle foto. La partecipazione di tutte è stata comunque alta, così come la soddisfazione osservando i nostri lavori. Il senso dell’incontro per Anna era di liberare la nostra creatività, dimostrandoci che la bellezza nella natura è ovunque.

La lezione del Fioraio Bollettini

Nell’atelier del Fioraio Bollettini con Anna

Non so se avrò la possibilità di trovare ancora un pomeriggio libero a metà dicembre quando da Bollettini si terrà il prossimo appuntamento. Di certo ho avvertito il privilegio di quella condizione, di noi concentrate a scegliere in silenzio tra foglie e fiori appassiti mentre fuori su via Giambellino Milano scorreva con la frenesia di sempre. Un momento zen che mi porto nel cuore e il senso autentico del regalo che ho fatto a me stessa.

Fioraio Bollettini
Via Massimo Gorki, 2,
20146 Milano
tel.02 423 3020
Aperto dal lunedì al sabato
orario 09:30 – 12:30  15:30 – 19:30.

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: