Moda e Shopping

Eddie Rude, il cool hunter del web


Eddie Rude

Eddie Rude ha un ciuffo di capelli ribelli, i muscoli scolpiti, il sorriso intrigante. Eddie Rude è un viaggiatore e un curioso impenitente. Incontra un sacco di gente interessante e creativi, sportivi, modelle, fashion blogger fanno a gara per farsi selfie con lui. Eddie Rude è un cool hunter: gira il mondo a caccia di cose belle, ne narra le storia e ci indica dove comprarle. Eddie Rude è un fumetto e vive nel web. Abita in un sito tutto suo, una casa visitata da gente particolare che si racconta come si fa davanti a un amico, descrivendo il proprio lavoro ma anche le proprie passioni e gli oggetti che le definiscono. La sua casa comprende un atelier online che permette di acquistare le chicche da lui scovate in giro per il mondo: gioielli di una designer tunisina che vive a Parigi, borse di cuoio realizzate in Olanda, caschetti da ciclista prodotti a Valencia, bikini creati a Tarifa, nello stretto di Gibilterra, orologi stilosi che possono essere utilizzati anche da non vedenti, tavole da surf delle Gran Canarie e così via. Ce ne sono già molti anche se il suo progetto è partito solo lo scorso gennaio. Eddie del resto non si ferma mai: un giorno è a Londra, quello seguente a Madrid oppure a Parigi. Non ha problemi di jet lag nè di sciopero dei voli: è un fumetto, può fare di tutto, entrare in ogni luogo, anche il più esclusivo.

Eddie Rude

Eddie a Londra

Ho conosciuto Eddie attraverso la donna che lo ha inventato,  Carolina Franceschini. Carolina è una ragazza speciale almeno quanto il suo cool hunter virtuale. Ha una formazione professionale molto  solida che l’ha portata a seguire progetti di grandi multinazionali nel settore chimico e farmaceutico. Dopo una pausa per gli impegni di madre (ha tre bambini, dai 9 ai 2 anni), è rientrata nel mondo del lavoro lanciando start up nel settore dell’energia rinnovabile, dal biogas al fotovoltaico. Nei suoi percorsi Carolina è sempre guidata dalla curiosità e da una grande attenzione per le tendenze che animano la società. Legge molto, segue la rete e i social, è appassionata di musica (non a caso il nome del suo fumetto è un omaggio a Eddie Vedder dei Pearl Jam), di moda e soprattutto di viaggi. Ama il made in Italy ma è attirata anche dalla ricerca e della produzione della moda straniera.

Eddie Rude
Navigando nel web Carolina si è resa conto che rintracciare i prodotti particolari che le piacevano non era facile e che alla fine le logiche dei motori di ricerca la indirizzavano sempre sui soliti grandi marchi.
“Partendo dalla mia difficoltà a orientarmi in un contesto così particolare – si racconta – ho capito che in Italia in effetti mancava un sito dedicato allo shopping all’estero”. Carolina comincia a maturare il progetto di una start up dedicata all’e-commerce nel settore moda e lifestyle. Per lanciarsi in un mercato tanto affollato serve però un’idea originale e distintiva. Dal confronto con la sorella Monica, illustratrice, nasce Eddie Rude, viaggiatore e cacciatore di tendenze della moda ma indipendente dal fashion system.

L’idea è divertente ma Eddie non è un gioco: Carolina ottiene il sostegno di investitori che credono nella sua start up e forma una squadra competente e motivata, fondamentale per lo sviluppo del progetto. Oltre a Monica, il team comprende un’addetta al settore commerciale e uno specialista di marketing e web marketing. Il loro è un impegno a tempo pieno: i contenuti di eddierude.com sono tutti originali, il team viaggia davvero all’estero, seguendo le l’indicazione di amici e locals che segnalano gli indirizzi segreti. L’attività di promozione del sito e del suo testimonial è ampia e comprende i brand, i media tradizionali, blog e social oltre alla partecipazione a eventi legati alla moda.

Eddie con lo stylist Giuseppe Dicecca

Eddie con lo stylist Giuseppe Dicecca

I risultati si vedono già: l’e-commerce sta funzionando bene, i followers su Facebook sono a migliaia, mentre Eddie come progetto di comunicazione sta interessando magazine di lifestyle che ne intuiscono le potenzialità: Eddie può fare di tutto, dal fashion blogger al giornalista di viaggi, al commentatore disincantato di mode e stili effimeri. È virtuale ma anche molto reale. Come il web, del resto. Per questo può andare lontano.

2 Commenti

  • Reply
    nuvolesparsetraledita
    19 Giugno 2016 at 9:41

    Ma che interessante! Sei sempre una scoperta! Pensa per me che vivo in una deliziosa ma un po’ asfittica città di provincia…
    Buona domenica!

    • Reply
      Paola
      19 Giugno 2016 at 10:08

      Ma Eddie Rude è un sito online, quindi visitabile da tutti 😉

    Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: