Moda e Shopping

Elle Venturini 2033 Collection

Elle Venturini

In una moda sottomessa all’imperativo della contemporaneità, le creazioni di Elle Venturini si collocano in una dimensione diametralmente opposta: quella di un’estetica e di uno stile senza tempo, dove l’indicazione di una data rappresenta una mera successione di cifre: 2033 Collection. Un numero che si presenterà tra 15 anni, in un futuro prossimo, quando l’abbigliamento che veste il nostro presente sarà irrimediabilmente vecchio o ascritto alla categoria del vintage, mentre gli abiti di Elle Venturini saranno quello che sono sempre stati: architetture ispirate dalla natura materica dei tessuti, modellate intorno al corpo femminile seguendo la fascinazione di forme geometriche essenziali come le pieghe e il plissé.

Elle Venturini

Photo Matteo Guariso

Capi ricchi: di tessuto, di balze e stratificazioni, d’invenzione, di fantasia. Gonne che si sfogliano come pagine di un libro, tasche che si aprono in mille pieghe e si posano come corolle ai lati di giacche e soprabiti, pettorine e stole che gli intrecci in macramè trasformano in leggerissime corazze.
Abiti per donne che interpretano la scelta dell’abito come un’inequivocabile asserzione di stile, libera da conformismi o luoghi comuni. Abiti da abitare con la mente prima che con il corpo. Abiti per donne che lasciano il segno, che non si fanno dominare dall’abito ma che lo vivono come un’estensione di sé.

Elle Venturini

Photo Matteo Guariso

Elle Venturini li realizza nei tessuti e nei materiali più svariati: seta, lino, cotone, l’amatissima pelle ma anche con la rafia ricavata dai sacchi utilizzati nei cantieri dove lei, architetto, è di casa. Descrive la sua collezione come un progetto in continuo divenire, nato vent’anni fa come una naturale estensione dell’attività di architetto e di designer, applicando il gusto per la ricerca e il dettaglio, finalmente, alla sartoria. “Ho da sempre una grande passione per la moda – si racconta allo Spazio Kryptos nello speciale allestimento delle sue creazioni durante Milano Fashion Week – vengo da un famiglia di donne imprenditrici, note per l’eleganza ricercata ma anche funzionale al loro ruolo. Mi hanno trasmesso il valore del non apparire, un rigore che applico nei miei abiti in ogni dettaglio, fino alla la scelta di doppiarli all’interno con tessuti in popeline e raso di cotone”.

Elle Venturini

Photo Fabio Bottini

Elle Venturini li costruisce partendo dalla materia: “Lavoro sul manichino con forme geometriche essenziali ripetute all’esasperazione. Utilizzo il metodo della progettazione per vedere cosa accade, gli abiti prendono forma grazie alla forza di gravità. La mia non è una griffe ma una continua sperimentazione”.

Elle Venturini
Una ricerca e una passione che si esprime anche nel collezionismo: “La mia casa è piena, addirittura invasa da abiti che ho acquistato nel corso del tempo anche per il puro gusto di possederli, come certe creazioni di Roberto Capucci o di Rei Kawakubo di Comme des Garçons che hanno ispirato il mio stile”.
Uno stile comunque unico, dotato di eleganza così pura da diventare sfidante: alle scelte effimere, a una moda fatta di diktat e tendenze del momento. Elle Venturini, con la sua 2033 Collection, guarda al futuro.

Elle Venturini

Photo Matteo Guariso

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

1 Commento

  • Reply
    Paola
    17 ottobre 2017 at 23:27

    Incantevole!

  • Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: