Milano Mostre ed eventi

World Press Photo 2018: il mondo in cui viviamo

World Press Photo 2018

Anche quest’anno ho visitato la Galleria Carla Sozzani a Milano per l’esposizione del World Press Photo. E anche quest’anno si è rinnovata la suggestione di un emozionante viaggio nelle viscere del mondo. Entrando nello spazio dell’esposizione, a pochi passi a pochi metri dall’atmosfera un po’ rarefatta dello store dedicato allo shopping di lusso, mi sono trovata davanti alle fiamme di una via di Caracas, al viso sfigurato di una bambina irachena, sopra la foresta disboscata dell’Amazzonia, accanto a un rifugiato in un magazzino dietro la stazione di Belgrado. Ancora una volta la fotografia mi ha sorpreso per la sua forza narrativa, la capacità di raccontare la nostra contemporaneità con un’efficacia che colpisce non solo la mente ma anche i sensi: la maggior parte delle foto in mostra sono da brividi. Il merito di questa emozione va alla altissima qualità delle immagini selezionate dalla giuria del World Press Photo che dal 1955 premia i fotografi che con creatività visiva e competenza abbiano fotografato un avvenimento o un argomento di forte rilevanza giornalistica. Selezionate tra 73.044 immagini realizzate da 4548 fotogiornalisti e fotografi documentaristi di 125 paesi, le foto vincitrici documentano realtà significative e talvolta sconvolgenti.

World Press Photo 2018

Galleria Carla Sozzani

La giuria internazionale di quest’anno ha selezionato 42 fotografi provenienti da 22 paesi, tra questi 5 fotografi italiani: Giulio Di Sturco, 2° premio per la sezione Attualità; Luca Locatelli 2° premio per la sezione Ambiente; Francesco Pistilli 3° premio per la categoria Notizie Generali; Alessio Mamo 2° premio per la categoria Portraits e Fausto Podavini, secondo nella categoria Progetti a Lungo Termine.
Il vincitore assoluto è il fotografo venezuelano dell’Agence France Presse Ronaldo Schemidt che vedete nella foto di apertura. Con Venezuela Crisis mostra un ragazzo in fiamme che scappa durante una manifestazione di protesta del maggio 2017 contro il presidente Nicolas Maduro, a Caracas. Il ragazzo, investito dalle fiamme dopo l’esplosione di una motocicletta, è sopravvissuto riportando delle ustioni di primo e secondo grado.
La sua è la prima di una serie di storie appassionanti che ci mostrano il modo in cui tutti, nel 2017, siamo stati sul pianeta Terra: donne, uomini, bambini, animali, natura, ambiente. Un racconto corale, che ci fa sentire parte di un “tutto” al quale, anche volendo, non possiamo sottrarci.

World Press Photo 2018

Categoria: People stories © Adam Ferguson, for The New York Times

21 settembre 2017Aisha (14 anni) posa per un ritratto a Maiduguri, Borno State, Nigeria. Dopo essere stata rapita da Boko Haram, ad Aisha è stata assegnata la missione di un attentato suicida, ma è riuscita a scappare e a trovare aiuto. 

World Press Photo 2018

Categoria: Contemporary issues singles © Giulio Di Sturco. Più di una donna

3 febbraio 2017Il Dottore Suporn Watanyusakul mostra alla paziente Olivia Thomas la sua nuova vagina in seguito ad un intervento chirurgico di riassegnazione di genere all’ospedale di Chonburi, vicino Bangkok, in Tailandia.

World Press Photo 2018

Categoria: Environment stories © Daniel Beltra. Amazzonia: Paradiso minacciato

19 gennaio-18 febbraio 2017 – Deforestazione in Amazzonia, Brasile. Dopo il calo dai principali picchi nel 1995 e nel 2004, il tasso di deforestazione in Amazzonia è aumentato notevolmente nel 2016.

World Press Photo 2018

Categoria: General News stories. © Francesco Pistilli. Vivere nel limbo

12-17 gennaio 2017 – L’inasprimento della cosiddetta “Via dei Balcani” verso l’Unione Europea ha bloccato migliaia di rifugiati che tentavano di viaggiare attraverso il paese per iniziare una nuova vita in Europa. Molti hanno trascorso il gelido inverno serbo in magazzini abbandonati, dietro la stazione ferroviaria principale di Belgrado.

World Press Photo 2018

Categoria: Nature singles. © Thomas P. Peschak. Salta

18 aprile 2017 – I pinguini della specie Rockhopper dimostrano di essere all’altezza del loro nome mentre navigano lungo la costa frastagliata dell’Isola di Marion, territorio antartico dell’Africa meridionale nell’Oceano Indiano.

World Press Photo 2018

Categoria: Long-­term projects © Fausto Podavini

24 luglio 2011-24 novembre 2017 – La regione dell’Omo Valley in Etiopia è un ambiente naturale estremamente fragile che ospita 200.000 abitanti di diversi gruppi etnici. Quest’area sta cambiando rapidamente dopo la costruzione della diga Gibe III, con un devastante impatto ambientale e socio-economico nella regione.

World Press Photo 2018

Categoria: People stories. © Anna Boyiazis. Cercando la Libertà nell’Acqua

17 ottobre-29 dicembre 2016 – Secondo la tradizione, le ragazze nell’arcipelago di Zanzibar sono scoraggiate a imparare a nuotare. Il Progetto Panje dà l’opportunità alle donne locali di imparare a nuotare in costumi coprenti, così possono entrare in acqua senza compromettere le proprie credenze culturali e religiose.

World Press Photo 2018

Categoria: Nature stories © Jasper Doest. Non più sacro

15 gennaio 2016- 2 ottobre 2017 – Negli ultimi anni, il macaco giapponese, meglio conosciuto come la scimmia delle nevi, si è abituato alla presenza degli umani. Una crescente popolazione di macachi nelle campagne indica che le scimmie saccheggiano i raccolti per sopravvivere; nelle città, i macachi sono addomesticati e addestrati per l’industria dell’intrattenimento.

World Press Photo 2018

Categoria: People singles. © Alessio Mamo, Redux Pictures. Manal, ritratti di guerra.

10 luglio 2017Manal (11 anni), vittima dell’esplosione di un missile a Kirkuk, in Iraq, porta una maschera per alcune ore al giorno per proteggere il suo viso in seguito ad una estesa chirurgia plastica, presso l’ospedale di Al-Mowasah, ad Amman, in Giordania.

WORLD PRESS PHOTO EXHIBITION 2018
fotografia e giornalismo
13 maggio – 10 giugno 2018
GALLERIA CARLA SOZZANI
Corso Como 10, Milano
Orari apertura: tutti i giorni, ore 10.30 – 19.30; mercoledì e giovedì, ore 10.30 – 21.00
Ingresso: 5 euro.

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

4 Commenti

  • Reply
    lillyslifestyle
    7 giugno 2018 at 17:01

    Grande mostra, l’ho vista a Lisbona. Qui era gratis 😉

    • Reply
      Paola
      7 giugno 2018 at 21:45

      Ciao, era gratis anche alla Galleria Sozzani fino alla scorsa edizione 🙁 Quest’anno purtroppo 5 euro…

  • Reply
    Paola
    5 giugno 2018 at 16:57

    Grazie! Non me la perdo, appuntamento fisso 🙂

  • Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: