In viaggio

Il mio viaggio in Islanda: il fascino dell’assenza

Il mio viaggio in Islanda

Il più grande regalo che mi ha lasciato il mio viaggio in Islanda è l’esperienza dell’assenza: il passaggio dentro scenari naturali sterminati privi di insediamenti umani e urbani, ghiacciai immensi che arrivano a toccare il mare senza incontrare ostacoli, enormi corsi d’acqua che non conoscono la presenza di dighe, altipiani grigi e neri di pietre laviche battuti da un vento che esclude ogni forma di vegetazione. Un’assenza che riempie il respiro di pace e che diventa sempre più bella, preziosa, quasi indispensabile man mano ci si inoltra nel viaggio e la mente cerca un tracciato nel tempo che la porti sempre più indietro alle origini del mondo.

Il mio viaggio in Islanda

La cascata Gullfoss

Il fascino dell’Islanda è quello di una natura che ha confinato la presenza dell’uomo ai margini, isolandolo nei pochi contesti dove, per ragioni ambientali e climatiche, è stata possibile la sua sopravvivenza e quindi la sua storia.
La natura in Islanda domina tutto e si manifesta attraverso elementi sempre maestosi: cascate immense che si tuffano dagli altipiani, geyger bollenti che sbuffano improvvisi dal suolo carico di zolfo, balene gigantesche che solcano le acque gelide, il ghiacciaio più grande d’Europa che con i suoi frammenti lambisce le lunghissime spiagge laviche.

Il mio viaggio in Islanda

Cavalli islandesi al crepuscolo: il sole nei giorni del solstizio d’estate non tramonta mail

E poi la luce, che nei giorni del solstizio d’estate non lascia mai o il clima, sempre imprevedibile, spesso dispettoso, mai accomodante.

Il mio viaggio in Islanda

il ghiacciaio Vatnajokull, il più grande d’Europa

Facile percorrere l’isola: basta prendere la S1 da Reykjavik e seguirla in un senso o nell’altro in tutto il suo perimetro, deviando verso le attrazioni naturali che sono segnalate. Non serve neanche il navigatore satellitare: con una buona mappa si arriva con sicurezza dappertutto, riscoprendo un gusto e una consapevolezza per il viaggio che con l’utilizzo Google Maps si erano smarriti.

Perché un viaggio in Islanda, anche se solo di una settimana, regala il piacere della scoperta, del contatto con l’inedito, l’esperienza più preziosa per noi viaggiatori seriali, assuefatti all’offerta di un’iconografia ripetitiva e scontata che ci porta a riconoscere un paese al primo sguardo.

Il mio viaggio in Islanda
L’Islanda non è ancora stata definita da uno scatto, perché, l’Islanda è una condizione della mente: un viaggio verso la dimensione del silenzio, della contemplazione, nel rispetto e la meraviglia che incute la visione della natura nella sua essenza più pura.

Il mio viaggio in Islanda

La laguna glaciale Jokyursarlon

Come quella di una spiaggia lavica, nera e lunga a perdita d’occhio nei pressi della Laguna Glaciale Jokyursarlon dove si arenano gli iceberg dal ghiacciaio Vatnajokull: frammenti di ogni dimensione e forma, grandi come pachidermi o piccoli come diamanti che brillano di luce azzurra sotto la luce radente di un sole che non vuole mai tramontare.

Il mio viaggio in Islanda

La luce alle 23 la sera

Il mio viaggio in Islanda

Diamond Beach, nei pressi della Laguna Glaciale

Il mio viaggio in Islanda

Come diamanti: frammenti di iceberg sulla spiaggia lavica

Mi ci sono trovata una sera intorno alle 23, alla fine di una giornata di maltempo che si era conclusa con un cielo inaspettatamente terso e chiarissimo. Abbiamo lasciato l’albergo dopo cena spinti dal desiderio di rivedere i ghiacci blu della Laguna Glaciale e ci siamo trovati con la luce del sole tanto forte da ferire gli occhi in un paesaggio fiabesco,sospesi su una spiaggia illuminata dai riflessi dei ghiacci che sembravano pulsare come creature viventi.

Il mio viaggio in Islanda
Ho sentito il cuore traboccare di gratitudine per il regalo di tanta bellezza: se forse Dio c’è, ho pensato, è nato qui.

Il mio viaggio in Islanda

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

10 Commenti

  • Reply
    gianni
    15 luglio 2018 at 12:53

    hai rubato immagini usando più emozioni che occhi brava !!! ciao

    • Reply
      Paola
      15 luglio 2018 at 16:40

      Grazie Gianni! Buona estate!

  • Reply
    Paola
    13 luglio 2018 at 22:46

    Grazie Paola, se ce ne fosse stato bisogno, il mio desiderio di fare questo viaggio è ancora aumentato. Spero in altri commenti a voce, a fine estate 🙂

    • Reply
      Paola
      14 luglio 2018 at 7:56

      Appuntamento a settembre in un caffè! 🙂

  • Reply
    Elisa
    13 luglio 2018 at 15:57

    Quanta meraviglia nelle tue parole e nelle tue foto. È un viaggio che sogno di fare proprio per questo: per l’assenza, la vastità, la bellezza pura.
    Aspetto ancora un paio d’anni, quando mio figlio sarà un pochino più grande – credo sia un viaggio piuttosto impegnativo.

    • Reply
      Paola
      13 luglio 2018 at 17:23

      Ciao Elisa, non so quanti anni abbia il tuo piccolo ma in Islanda con i bambini si viaggia bene.

  • Reply
    Rosaria
    13 luglio 2018 at 9:39

    Sono una appassionata di fotografia . Dopo aver visitato l Islanda , alcuni anni fa , feci un foto video su questo straordinario paese dal titolo : Un paese non a dimensione umana . Chiaramente intendevo dire : dove l’ uomo non è la misura ma dove tutto è così grande e magico e vergine e l’essere umano un piccolo punto sullo sfondo . La grandezza della natura a confronto con la piccolezza dell’ uomo . Il video è piaciuto ma non hanno capito il titolo da me scelto . Avrei dovuto copiare il tuo articolo !

    • Reply
      Paola
      13 luglio 2018 at 10:22

      Cara Rosaria, abbiamo condiviso un sentimento intenso. Ho pensato a lungo al titolo di questo articolo: non è facile comunicare la grandezza della natura in Islanda e l’ammirazione che genera la visione di una forza pacifica che, per una volta, è più forte dell’uomo.?

  • Reply
    Tratto d'unione
    13 luglio 2018 at 8:40

    Che bel resoconto. Ho sempre sperato di riuscire un giorno ad andare in Islanda e la tua visione aggiunge forza al mio desiderio 🙂

    • Reply
      Paola
      13 luglio 2018 at 8:54

      Grazie, è stato un viaggio vero. Un’esperienza intensa. Ti auguri di riuscire ad esaudire il tuo desiderio

    Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: