Le ricette di Gigi

Bucatini alla siciliana con finocchietto selvatico

Bucatini alla siciliana con finocchietto selvatico

I bucatini alla siciliana con finocchietto selvatico, alici, pinoli e uvetta, sono una versione semplificata della celebre pasta con le sarde palermitana in quanto utilizza acciughe sott’olio al posto del pesce fresco. Tutto così diventa più facile,  visto che l’unico ingrediente un po’ esotico, il finocchietto selvatico, è ormai disponibile nei supermercati e nei negozi dei fruttivendoli. Un piatto veloce e gustoso, che si prepara nel tempo necessario per portare a bollore l’acqua della pasta e dà delle belle soddisfazioni.

INGREDIENTI
(per quattro persone, nelle foto le quantità sono dimezzate perché stavo cucinando solo due porzioni)
Bucatini (o spaghettoni, o qualsiasi pasta secca “lunga”, non è adatta quella all’uovo), 340g
Finocchietto selvatico, un paio di mazzetti
Zafferano, una bustina
Pinoli, 40g
Uvetta passa, 40g
Acciughe sott’olio, 7- 8 filetti
Aglio (o scalogno, lo preferisco), uno spicchio
Vino bianco secco, mezzo bicchiere
Pangrattato, 70g
Olio extravergine d’ oliva, qb
Sale, q.b.

Bucatini alla siciliana con finocchietto selvatico

Gli ingredienti

PREPARAZIONE
Per prima cosa va messa sul fuoco la pentola con l’acqua per la pasta. Come inizia a bollire salate, aggiungete lo zafferano e il finocchietto ben pulito e lavato. Dopo un paio di minuti il finocchietto si sarà intenerito.

Spegnete, estraetelo dall’acqua (che dovete conservare per la cottura della pasta) con un mestolo forato e tagliuzzatelo su un tagliere con un coltello. Metà mettetelo da parte, l’altra metà frullatelo con un po’ d’olio e un pizzico di sale sino a ridurlo a una crema. Mettete da parte anche questa.

Bucatini alla siciliana con finocchietto selvatico
Preparate il sugo: in una padella che poi possa contenere anche la pasta mettete un paio di cucchiai d’olio, lo spicchio d’aglio (o di scalogno, come ho scelto di fare io), i filetti di acciughe tagliati a pezzetti, i pinoli e l’uvetta. Come il sugo inizia a sfrigolare aggiungete il vino, fate sfumare a fuoco vivace e, quando il vino sarà evaporato, eliminate l’aglio (o lo scalogno), spegnate il fuoco e aggiungete sia il finocchietto tagliuzzato e sia la crema.

Preparato il sugo fate riprendere bollore all’acqua della pasta, immergeteci i bucatini e, mentre cuociono, in un padellino fate abbrustolire il pan grattato, girandolo con un cucchiaio (meglio di legno) fino a quando, dopo un paio di minuti, non avrà preso una bella doratura.
Riaccendete sotto la padella col sugo e, come i bucatini saranno pronti ma ancora bene al dente, scolateli conservando un po’ della loro acqua di cottura. Versateli nella padella col sugo, aggiungete il pan grattato tostato e un po’ della loro acqua di cottura se risultassero troppo asciutti, mescolate e serviteli ben caldi, completandoli direttamente sui piatti da portata con un leggero giro d’olio.

Bucatini alla siciliana con finocchietto selvatico

I consigli di Gigi
Questo è un piatto espresso che non si presta a essere conservato o, peggio, surgelato. Al massimo potete preparare il sugo in anticipo, riservando la preparazione del finocchietto e la cottura della pasta in prossimità del momento di andare in tavola.

1 Commento

  • Reply
    Paola Bortolani
    23 Aprile 2020 at 18:15

    Grazie per questa meravigliosa ispirazione! Sento il profumo da qui

  • Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: