Milano Zona 6

La bellezza in un tombino

Ieri sono andata alla premiazione del Compasso d’oro, il più autorevole attestato mondiale del design.
Questo settore mi appassiona moltissimo, mi affascina la creatività applicata alla funzionalità degli oggetti, mi dà piacere vedere e utilizzare cose belle e quindi mi sono recata all’ ex Ansaldo animata da interesse e curiosità.
Le cerimonie di premiazione, diciamolo, possono essere di una noia mortale.
Per lavoro ne ho viste tante e ogni volta mi sono chiesta come mai le celebrazione di risultati tanto eccezionali debbano tradursi  quasi sempre in meste salite e discese dai palchi davanti a un cerimoniere incravattato. Anche l’evento nei gremitissimi spazi di via Bergognone correva quei rischi, perché certe prassi sono ineludibili.

Ma non è andata così, perché a farla da padrone al Compasso d’Oro sono stati i prodotti premiati, appartenenti a una grande varietà di settori.
Tra i vincitori ci sono oggetti che fanno sognare, come  la Ferrari F12berlinetta di Flavio Manzoni e la Ducati 1199 Panigale disegnata da Gianandrea Fabbro, splendide lampade di Artemide,  ma anche contenitori da gelato, uno scarpone da sci, una giacca tecnologica che integra in un capo di moda sistemi derivati dal mondo del salvataggio, un packaging per confezionare prodotti sottovuoto…


Progetti diversissimi, accumunati da un unico denominatore: li hanno fatti tutti le aziende italiane. Sono prodotti concreti, reali, pensati e sviluppati da designer, ingegneri, tecnici e creativi provenienti da tutto il mondo, ma poi messi sul mercato da imprenditori italiani che si sono presi i rischi di proporre idee originali, inedite, utili, belle.
Perché oltre alla produzione italiana, questi oggetti hanno in comune la bellezza. Una bellezza vera, autentica, che non  va spiegata: la vedi, è lì. Fa parte del nostro bagaglio culturale, ci è accanto, sopra e sotto da millenni.  La respiriamo tutti i giorni nel nostro paese, nelle nostre città, nelle nostre strade.
Ecco perché secondo me l’oggetto più rappresentativo del Compasso d’Oro 2014 è il tombino Sfera realizzato da Giulio Iacchetti e Matteo Ragni per le fonderie Montini. Trovo esaltante che ci sia gente che si mette in testa di realizzare qualcosa di bello anche se viene calpestato tutti i giorni sui marciapiedi. Un’esigenza che la maggior parte della gente non ha mai neanche concepito. Portare la bellezza in un tombin,o a mio parere poteva venire  in mente solo a degli italiani. La realizzazione di una utopia. Ecco perché adoro il made in Italy.

Saperne di più
Istituito nel 1954 da Gio Ponti, il Premio Compasso d’Oro ADI è il più antico e il più autorevole premio mondiale di design. Viene assegnato ogni tre anni sulla base di una preselezione effettuata dall’Osservatorio permanente del Design dell’ADI (Associazione per il Disegno Industriale). Quest’anno ha celebrato i 60 anni di vita.
Compasso d’Oro
ADI – Associazione per il Disegno Industriale

 

 

 

3 Commenti

  • Reply
    Mauro
    30 Maggio 2014 at 11:51

    Beh, giustamente scrivi che “portare la bellezza in un tombino poteva venire in mente solo a degli italiani”. Aggiungo, campanilisticamente, che a realizzarla ci hanno pensato dei bresciani.

    http://www.giornaledibrescia.it/economia/montini-tombino-zebrato-design-da-premio-1.1874033

    Ciao e a presto.

    Mauro

    • Reply
      paolabaronio
      30 Maggio 2014 at 12:25

      Verissimo! I bresciani fanno anche i tombini di design :-). Ciao

    • Reply
      paolabaronio
      30 Maggio 2014 at 13:03

      Sei di Brescia se anche i tombini sono di design :-). Ciao!

    Rispondi

    %d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: