Milano Mostre ed eventi Zona 6

Taste of Milano, bocconcini di bontà

Taste of Milano, bocconcini di bontà

Taste of Milano è un evento da prendere alla lettera. Taste infatti significa gusto, sapore, buongusto. E questo grande festival della ristorazione permette di assaporare i piatti di 50 tra i migliori chef italiani e internazionali – con una sezione dedicata ai Jeunes Restaurateurs d’Europe decisamente interessante – che sono una gioia per gli occhi e le papille. Se siete appassionati e curiosi di cucina e vi trovate a Milano durante il weekend, una puntatina al Superstudio Più di via Tortona 27 dove si svolge l’evento, vale la pena di farla. Lo spazio espositivo è ampio e gradevole, diviso per aree tematiche che comprendono anche la cucina francese, rappresentata da un temporary restaurant dedicato a Lione e allo chef Paul Bocuse che quest’anno festeggia la ricorrenza dei 50 anni delle 3 stelle Michelin.

Taste of Milano, Bocuse

Taste of Milano, Bocuse

Oltre alla degustazione dei vari piatti e all’assaggio di vini e birre di alta qualità, la formula di Taste of Milano prevede showcooking e corsi di cucina aperti al pubblico e workshop dedicati anche ai bambini, oltre alla presenza serale dei comici di Zelig.

L’ingresso da quest’anno è gratuito e prenotando sul format del sito, si evitano le code agli ingressi, particolarmente affollate negli appuntamenti serali.  Al momento dell’accettazione, vengono consegnati ai visitatori un bicchiere di vetro per le bevande e una tessera da caricare alle casse per pagare le pietanze. I prezzi sono indicati in “ducati” e ogni ducato vale un euro. Non ci sono posti riservati, ci si appoggia sui tavoli e banconi conviviali e comuni.

Taste of Milano

Taste of Milano

Ero già stata a Taste negli anni scorsi e questa volta ho voluto prendermi il lusso di visitarlo all’ora di pranzo di un giorno feriale. Scelta azzeccata: gli spazi non erano affollati, il personale è stato cortesissimo, l’attesa agli stand molto breve. Ho potuto leggere senza fretta i menù esposti e ottenere informazioni da chef e collaboratori. Non ho voluto prepararmi di proposito ad affrontare l’evento come mi capita di fare di solito: ho preferito fare “davvero” la visitatrice, e scegliere i piatti non in base alla fama o alla mia conoscenza del ristorante ma agli ingredienti offerti nei vari menù.

Accompagnata da Luigi, marito nonché cuoco di Camera con Vista, abbiamo fatto una prima sosta da Vun, il ristorante del Park Hayatt di Milano gestito dallo chef Andrea Aprea. Io ho scelto un primo: conchiglione, ricotta di bufala, concentrazione di Ragù napoletano (8 Ducati). Luigi invece ha optato per il piatto dedicato all’Expo: battuta di Fassona, bagnetto verde disidratato e acciughe (10 ducati). Due piatti molto buoni che tuttavia, per le porzioni ridotte, ci hanno appena solleticato le papille.

Curiosando nel settore dedicato ai Giovani Ristoratori d’Europa ci siamo fatti tentare dal menù di Piergiorgio Siviero, chef di Lazzaro 1915, storico ristorante di Pontelongo, in provincia di Padova. Abbiamo entrambi scelto Nero su Nero, ovvero riso venere di seppie al nero, mantecato alla mandorla e bergamotto candito (8 ducati).

Taste of Milano, Lazzaro 1915, Nero su Nero

Taste of Milano, Lazzaro 1915, Nero su Nero

Bello e buonissimo grazie alla perfetta consistenza del riso all’onda e al delizioso aroma di bergamotto che alleggerisce la sapidità delle seppie. 8 ducati ben investiti, sebbene anche in questo caso la porzione fosse abbastanza ridotta. Non volendo assaggiare altri piatti salati, abbiamo concluso con l’ottimo gelato di Cool, gelateria naturale con sedi a Monza, Concorezzo e Cernusco sul Naviglio, presente al Taste con un caratteristico carrettino: con 2 ducati e mezzo ho gustato un ottimo scodellino di cioccolato fondente e riso latte con zafferano mentre Luigi ha scelto il classico abbinamento di limone e pistacchio.

Il caffé (1 ducato) lo abbiamo ordinato al bar di Musetti, servito da barman impeccabili.  I tre ducati che avanzavano nella Ducati Card li abbiamo destinati a mezza pagnotta acquistata al punto vendita del panificio brianzolo Davide Longoni, un nome che è una garanzia.

Taste of Milano, panetteria Davide Longoni

Taste of Milano, panetteria Davide Longoni

Ce ne siamo tornati a casa con il nostro sacchettino di pane nel cestino della bici decisamente soddisfatti: abbiamo trascorso un’ora e mezza piacevole, tra professionisti, cibi, ingredienti e intrattenimenti di qualità. Per quattro piatti, un calice di vino, mezza minaerale, due gelati e due caffé il conto è stato di 45 ducati, ossia 45 euro.  Come anticipato, Taste of Milano è un evento da prendere alla lettera. Taste, oltre a gusto, significa anche assaggio. Assaggino, bocconcino. Buono e gustoso ma… inesorabilmente piccolo. 😉

Taste of Milano

Taste of Milano

TASTE OF MILANO
3-7 giugno 2015
Milano Superstudio Più
Via Tortona 27
Orari: sabato 6 e domenica 7 giugno dalle 12 alle 17 e dalle 19 alle 24.
Ingresso libero
Per tutte le informazioni su eventi, chef, ristoranti, workshop, prenotazioni consultare il sito ufficiale.

Nessun commento

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: